mercoledì 13 marzo 2013

A GIACOMO

A GIACOMO














 Si fossi io nata
nel remoto cuor tuo,
 in te di vita
 lautamente risorgiva,
 verbo e dovizia
 sarei stata.

 Tu, uomo
 dall'impagabil dazio
 d'una sacra
 ed inopinabil stirpe,
 prodiga manna
 d'una vita
 oltre le villane
 polveri,
 con far
 d'uno sposo
 t'avrei a me cinto,
cibandomi
 della tua parola
 aggraziandomi
 di nobil idillio.

 Gloria mundi
 egregia mano
 che a me sia
 onirico
 quel meriggio
 che al tuo braccio
 di sana arte
 avrei vissuto.

 ( Enrica Meloni) 
Reazioni: