mercoledì 4 febbraio 2015

CANTZONI GRAI (po fillu miu)











CANTZONI GRAI (po fillu miu)
Sa Cantadora Paola Alcioni

Tengu po tui una bandera lébia
lébia e una cantzoni grai...


Mannugus de bisus
si lassant scravigai in s’alluinu
‘e s’argiola Is Printzipalis, mancai
apustis bentulau no si nd’abarrit.

Acirrant prexu in tassas de birdi
fini, Is Printzipalis.
Innoi, canis de strexu
si faint a caru comporai ressínniu
po bendi spera a baratu.

Ap’a prangi cun tui candu sa schina
t’as a alliagai asuta ‘e su giuali
de su nudda. T’ap’a strexi
sa buca ferta, spumosa, siddada
a sogas de murrali. T’ap’a donai
acunortu in tribulia, ma
a sa primu oghiada priva
de dinnidadi custa bandera
mia t’ap’a donai, lébia
lébia e artiva.

Che duenna de rebellia antiga
moris de follas insanguentadas
currit a bortas che arrennegu
de ànimas acarcigadas…

E si fúrriat a tzérriu assarragau
de stracia e su celu murru de atóngiu
a petza bia scarràfiat e arretrocit
sa terra che bruncu de sirboni!

Dongant atentzioni Is Printzipalis...

Tengu in coru una cantzoni
grai chi a cantai
no ap’a acudi...
Ma est lébia sa bandera
chi t’apòrgiu: no tenit
che su pesu ‘e unu bisu abrodau
po tui, fillu miu, a colori ‘e ispera
e finiu a filu múrinu ‘e feli
e de dolori...

[sa cantadora]

traduzione dal sardo

POESIA PESANTE

Ho per te una bandiera leggera/ leggera e una poesia pesante...

Quelli che comandano/ in aie d’illusione covoni di sogni/ ci lasciano battere, anche se/ dopo tolta la paglia non ce ne resta.
Tracannano gioia in bicchieri di cristallo/ Quelli che comandano./ Qui, i loro tirapiedi/ ci costringono a svendere speranza/ per comprarci rassegnazione.
Piangerò con te quando la schiena/ti piagherai sotto il giogo/ del nulla. Ti tergerò/ la bocca ferita, schiumante, serrata/ a lacci di cavezza. Ti darò/ consolazione nel tormento, ma/ al primo sguardo privo
di dignità questa bandiera/ mia ti darò/ leggerissima e orgogliosa.
Come fantasma di antica rivolta / sentieri di foglie insanguinate/ percorre a volte come inquietudine/ di anime calpestate…
E si trasforma in grido rauco/ di tempesta e il grigio cielo autunnale/ graffia a carne viva e ara e rivolta/ la terra come muso di cinghiale!
Stiano attenti Quelli che comandano...
Ho nel cuore una poesia/ pesante che non farò in tempo/ a cantare... / Ma è leggera la bandiera/ che ti porgo: non ha/ che il peso di un sogno ricamato/ per te, figlio mio, colore della speranza/ e rifinito col violaceo filo dell’ira/ e del dolore...
Reazioni:

0 commenti: