martedì 28 aprile 2009

ÍSULA SOLA (a sa terra mia stimada)

dae: Paola Alcioni

Ísula
in d-unu mari ‘e làgrimas derramadas.
Ísula sola.
Ísula sola chi fiat terramanna, ma
càvurus cun farruncas de scuriu
a bortas si nd’at betiu sa mareta.

E s’ant arretróciu sa terra ‘e s’ànima
cun tzacarrada ‘e orbadas de scuncórdiu.
E s’ant messau, strecau e cérriu.
E s’ant sperrau e maladitu:
eucaristia a s’imbressi de unu deus
benidori chi no est lómpiu mai.

Arguai, arguai de bosàterus
truma de bardaneris de ‘ónnia
tempus, de ‘ónnia logu,
no s’atriveis prus a s’acostai
cun passu e sentidus sbiàscius.
S’aproillat in is venas che fogu
de alientu nou su disisperu
po is bisus tragaus in scravidadi.

Seus arroca acutzada ‘e su dolori,
spreaus is maretas chi si sgurdant
e s’allisant po si fai scaresci.
No poderaus àteru mali.
Cillus de sali teneus e strúmbulus
de assúmbridu cravaus in su costau.
Duncas...
... Benei cun su passu lébiu de su cau
e su carínniu ‘e s’araxi a mericeddu:
teneus apitz’’e is palas cansàntziu
de mill’annus e in sa boxi
cangrenas de arregordus, chi no sanant.
Lassaisí sullenas is prajas,
líberas
a s’apróbiu de is bisus. Abistus
siais: no seus una perda in mesu mari
chi no sentit, no prangit
e no si fúrriat.

Ísula seus. Ísula sola,
ma cun coru ‘e niaxis...

ISOLA SOLA

Isola/ in un mare di lacrime versate./ Isola sola./ Isola sola che era continente, ma/ granchi con chele di buio/ a volte ci ha portato la risacca.

E ci hanno rivoltato la terra dell’anima/ con schianto di vomeri di discordia./ E ci hanno falciato,/ schiacciato e stacciato./ E ci hanno spezzato e maledetto:/ eucaristia al contrario di un dio/ venturo che non è mai giunto.

Guai, guai a voi/ torma di briganti di ogni/ tempo, di ogni luogo/ non osate più avvicinarvi/ con passo e sentimenti obliqui/ Ci brulica nelle vene come fuoco/ di coraggio nuovo la disperazione/ per i sogni trascinati in schiavitù.

Siamo roccia affilata dal dolore,/ ci ripugnano le maree che ci smussano/ e levigano per farci dimenticare./ Non tolleriamo altro male./ Ciglia di sale abbiamo e pungoli/ di diffidenza piantati nel costato.
Dunque...
…Venite con il passo lieve del gabbiano/ e la carezza della brezza a prima sera:/ abbiamo sulle spalle stanchezza/ di millenni e nella voce/ cancrene di ricordi, che non guariscono.

Lasciateci tranquille le spiagge,/ libere/ all’approdo dei sogni. Siate/ cauti: non siamo una pietra in mezzo al mare/ che non prova sensazioni, non piange/ e non si ribella.

Siamo isola. Isola sola,/ ma con cuore di moltitudini...

Reazioni:

0 commenti: