domenica 6 novembre 2011

Brunzu de aira

Paola Alcioni

Anima
de brunzu in duas
perras: batallu ‘i aira,
firmu, chi no atripat
spera tenta
e no ‘ndi trinnit cantu.
S’ària bisus no pesat
nimancu de fromentu
biu di afrenta.
Ominis seis,
o follas in currera?
In cali andera e in cali
bentu sperdeis
amentu e spreu?
Ressìnniu s’at a tessi
intru de is laras
citiristirinnias
di atzàrgiu…
Ma deu,
brunzu di aira, surdu,
a is cuatru bentus,
de cuss’atzàrgiu
sgurdu, lamas acutzas
di arrepicu ap’a fai’
po truncai stentus.
E ‘nd’ap’a fai’
agullas po cosiri
banderas e velas
po atreviri.
E ‘nd’ap’a fai’
orbadas de telàrgiu
po surcus chi tessant
terra noa
de trevessu a lacanas
de tìrria.
E po stàmini ordìu,
fitianu, corriatzu i artivu,
su cantu a istérrida
de su bisu miu…
***

Anima/ di bronzo divisa / in due: batacchio d’ira / immobile, che non percuote / speranza avuta / e non ne vibra canto.

L’aria sogni non lievita / neanche da fermento / vivo di oltraggio.
Siete uomini, / o foglie in corsa?/ In quale sentiero e in quale / vento disperdete / ricordo e
indignazione?

Rassegnazione tesserà / tra le vostre labbra / silenzi-ragnatele / d’acciaio…
Ma io, / bronzo di sorda ira / ai quattro venti, / di quell’acciaio / non affilato, lame aguzze /di
rintocco farò / per rompere gli indugi.

E ne farò / aghi per cucire / bandiere e vele / per osare.
E ne farò / vomeri di telaio / per solchi che tessano / terra nuova / di traverso a confini / d’odio.
E per ordito, / incessante, tenace e orgoglioso, / il canto a distesa / del mio sogno…

Paola Alcioni 2004, 01-11-11.
Reazioni:

0 commenti: