martedì 11 maggio 2010

PREGADORIA A SA TERRA MIA


- Paola Alcioni -

Ancu cust’umbra de axiu
lompat sentz’’e sprama,
cun passu lébiu e manu sentz’’e tírria,
po ‘ndi studai s’úrtimu bisu miu,
Terra Mama.
E candu ap’essi arruta cara a is nuis,
firmu unu bólidu ‘e spantu
in is pipias,
dolori e timorias apaxiamí
e asciutamí su prantu.
Prenimí cun s’imprassu ‘e su bentu
is bratzus obertus debadas, che sa gruxi,
e unu carínniu arraspinosu ‘e arena
m’intreghit unda a sa praja sullena
de s’urtimu sonnu.

Ti torru gràtzias po su chi no apu tentu,
chi no lassu cun làstima innoi:
no lassu gosus, sceti su proi proi
e sa strossa de pèsperus nuscosus.

Anninniamí, Mamai, cun su zúmiu
de una durci cantzoni in sa tzinniga
e arregordu ‘e mali no mi portit
su tzérriu tzirrichiosu ‘e su maistrali,
candu fridu affarruncat de is notzentis
tzinníbiris de mari frunzas fertas.

Lassamí is pibiristas obertas:
no timu prus s’arrori de s’aera
abbrigada de su soli ‘e s’istadi.

Ma tui, chi arréxinis e língua m’as donau, chistidí
custu studau losíngiu ‘e solidadi
in s’amori de is intrànnias tuas:
ancu tengat spera cras
de intzeurrai frori
o aira po ‘ndi pesai
arta
una bandera...


PREGHIERA ALLA MIA TERRA

Fa che quest’ombra di angoscia
giunga senza spavento,
con passo leggero
e mano senza odio,
per spegnere l’ultimo mio sogno,
Madre Terra.

E quando cadrò col viso alle nuvole,
immobile un volo di stupore nelle pupille,
dà pace al mio dolore e alle paure
e asciugami il pianto.

Riempimi con l’abbraccio del vento
le braccia invano aperte,
come in croce,
e una carezza ruvida di rena
mi affidi onda alla spiaggia serena dell’ultimo sonno.

Ti ringrazio per ciò che non ho avuto,
che non lascio qui con rimpianto:
non lascio gioie,
solo la pioggia e
lo strazio di vespri profumati.

Ninnami,
Madre,
con il ronzio
di una dolce canzone tra i giunchi
e ricordo di male non mi porti
il grido stridente del maestrale,
quando freddo afferra
degli innocenti ginepri di mare le fronde ferite.

Lasciami le palpebre aperte:
non temo più l’orrore
dell’aria rovente del sole dell’estate.

Ma tu, che radici e lingua mi hai dato,
conserva questo spento lucignolo di solitudine
nell’amore delle tue viscere:
che abbia speranza
domani di germogliare fiore
o ira per levare alta una bandiera…

Reazioni:

0 commenti: