lunedì 1 settembre 2014

PERDAS... PENSIERI DI PIETRA

Gian Luigi Deiana


PENSIERI DI PIETRA 

PERDAS
si jumpas a custu sartu
in tottùe ides semper crastos
non b'at terrinos vastos
ma orroccas e disterru
pantùmas de s'ifferru
e arzolas chena oa
e su crastu 'e sa zoa
solu che s'assu e bastos
.
lineas profundas de monte
attòbiana in custu logu
da chi deus at fattu in zogu
trizzas de rocca e caos
crastos comente craos
chi lìgana sa muntagna
e sàlvana sa campagna
de franas e de guastos
.
sa perda est in tottùe
dae juncos a traessìle
dae urùi a roia 'e asile
dae olla a intro 'e coronza
muda che titta 'e monza
tronosa in sa codina
cando in costa raighina
urrumbulat dae artu
.
dae semper amos tentu
perdas pro su cuìle
primu su canterzile
sigundu sos contones
poi bloccos e bastiones
murallas e pinnettos
làbides mannas che lettos
e janas pintas a martu
.
tenìmos perda ìa
tenìmos perda morta
perda ligada o isorta
quadra, bisquadra e tunda
tenìmos perda ' frunda
e perda de perdaghe
puru non b'at nuraghe
in mesu 'e tantos trastos
.
chie cheret perda 'e bèrtula
chie perda 'e cresia antìga
perda 'e terra fromìga
e trémenes de frorosa
perda in colore 'e orrosa
o niedda che sa morte
ma eterna che sa sorte
e semper chena arrastos
.
penas chi ses naschìdu
t'an postu in sa perda 'e attiare
pustis pro t'imparare
t'an postu a pesar' àidu
ma a mannu faghes fràigu
cun perda de onnia arrazza
e a bezzu subra 'e s'azza
càstias su mundu 'ae artu
,
pro 'ogare su contone
no iscudes a sa zega
si non collis sa ega
ses picchiande po niente
puru chi siet potente
lèbiu cheret su mazzu
sa creatura cheret trazzu
attentu che in su partu
.
sa perda de orrodare
es bianca e chena consumu
e orròdat a fogu e a fumu
sa fracche e sa puntarola
ma niedda es sa perda 'e mola
molende matessi trazzu
e in sìmbula e in crivazzu
faet farra pro milli pastos
.
su laccu 'e s'abbadorzu
faghet donu divinu
s'orrocca dae intro 'e sinu
cuntentat sos sididos
pastores e bandidos
bestiamene e donnia armentu
e sa funtana 'e arzentu
non disizat ateros fastos
.
su laccu 'e cazzigare
isettad' a esser' issustu
de ànigas e de mustu
pro cubas e carrazzola
e isetta' sa perda 'e arzola
su trigu a zunta a zunta
bella perda pertunta
de orrocca ìa o basartu
.
in sartos chi no aus perda
siguru chi b'at luzzana
terrighedda gai metzana
pagu fruttu ògada a pizzu
ma suore cun manizzu
faghen binu e casu 'e acca
e in s'orrocca sa tittiacca
binche tottu sos cuntrastos
.
sos peàles de perdazzu
faghen fruttos cabudarzos
e sos accos pius abbarzos
los faghìmos a ortalizia
ma chie est curtu 'e sa zustizzia
chilcat preccas e conchiles
gai bies frores e fusiles
e bies pane in sos pirastos
.
gai teniàus figu morisca
azzas crastu e figu niedda
pira cossa e melighedda
e in sos muros murta e mura
e pizzinnos in sa fura
cun cressiedda e chirrinzolu
e unu mùilu de mazzolu
cando perdet su cumpartu
.
terras lanzas de badanzu
no ana tentu mai signore
puru sutta 'e s'esattore
mai urruttas sunu ischiavas
fino a cando tantas gavas
ana fattu s'isacchèu
e sos montes in pelèu
an segadu a quartu a quartu
.
sa perda at' imparadu
a s'omine onnia mestieri
minadore o istradoneri
cun mina, massetta e marra
in su muntone e zarra
tirande a proa su pianu
semper sa perda in manu
ca no esistit perda 'e iscartu
.
“a perdas chi ti pìghene”
ti naran si ses birbante
auguriu pius elegante
“sa mazza prena a perda”
ma tottus che carramerda
su massu tragàus in palas
in disìzu 'e tenner alas
subra de tantos gastos
.
chena dentes e artiglios
naschìmos chena difesa
ma contra a onnia malesa
sa perda parat fronte
arma in sa domo e in monte
cumpanza semper sigura
lettu 'e sa sepoltura
cando mudos sun sos tastos
.
ma sa perda est fina sinnu
de disizu 'e fide e paghe
siet pinnettu o siet nuraghe
siet funtana o siet artare
cando istanca de gherrare
onnia zente chilcat deu
e cando in d' unu unìcu erèu
che torramos donnia sartu
.
pro cumprender custu logu
cheret sa notte profunda
in s'istade lughet s'unda
e in s'ierru sa cudina
perda chena faìna
muda a donnia fortuna
s'isprigu de sa luna
illuminat su mundu ispartu



PIETRE

se passi da questa parte
dovunque vedrai sempre pietra
non ci sono terreni estesi
ma solo rocce e disterri
apparizioni infernali
e aie senza limite preciso
e il masso di ricovero dei maiali
solitario come un asso di carte
.
linee profonde di monte
si incontrano in questo luogo
da che dio ha fatto per gioco
trecce di roccia e caos
sassi come chiavi
che legano la montagna
e salvano la campagna
da frane e da guasti
.
la pietra è dovunque
da juncos a traessile
da urui a roia asìle
da olla a intro ' coronza
muta come un seno di suora
fragorosa sulla roccia nuda
quando in costa raighina
rotola giù dall'alto
.
da sempre abbiamo avuto
pietre per gli ovili
per prima cosa la pietra maestra
e poi i contoni
e blocchi e bastioni
e muraglie e pinnetti
e lapidi grandi come letti
e domus de jana dipinte con macchie
.
abbiamo pietra viva
abbiamo pietra morta
pietra incastrata o sciolta
squadrata, obliqua o rotonda
abbiamo pietra da fionda
e pietra per fare trappole
eppure non c'è nuraghe
in mezzo a tanta varietà
.
chi vuole pietra di scarto
chi pietra di chiese antiche
pietra di terra fromìga
o precipizi di frorosa
pietra in colore rosa
o nera come la morte
ma eterna come il destino
e sempre senza tracce
.
non appena sei nato
ti hanno messo nella pietra del battesimo
e poi per farti imparare
ti hanno messo a fare brecce di pietra
ma da grande sai fare il muro
con pietra di ogni tipo
e da vecchio sopra il ciglio del burrone
guardi il mondo dall'alto
.
per sagomare il concio
non devi picchiare alla cieca
se non cogli la vena
stai picchiando per niente
per quanto sia potente
la mazza deve essere leggera
la creatura esige delicatezza
proprio come nel parto
.
la pietra per affilare
è bianca e resiste al consumo
e arrota con scintille e con fumo
la falce e il punteruolo
ma la pietra per macinare è nera
e gira sempre nello stesso verso
e in semola e in farina grezza
fa farina per mille pranzi
.
la vasca per abbeverare
fa un dono divino
la roccia dal suo seno
sa saziare quelli che hanno sete
siano pastori o banditi
sia bestiame o siano armenti
e la fontana d'argento
non desidera altra ricchezza
.
la vasca per la pigiatura
aspetta di essere bagnata
di uve e di mosto
per botti e per barili
e anche la pietra della trebbiatura aspetta
il grano una manciata dopo l'altra
bella pietra traforata
di roccia viva o basalto
.
le campagne che non hanno pietre
certamente sono banchi di argilla
da terre così da poco
ben poco frutto ne può venire
eppure il sudore e le mani
sono in grado di farne vino e formaggio
ma chi vince ogni ostacolo
è la vite di tittiacca aggrappata al burrone
.
le valli di pietra sciolta
fanno frutta prima del tempo
e le vallette più umide
le disponiamo per gli orti
ma chi è ricercato dalla legge
cerca grotte e speroni di roccia
ed è così che puoi vedere i fiori con i fucili
e del pane con i perastri
.
così avevamo i fichi d'india
sulle pareti con piante di fichi neri
pera coscia e melette
e nei muri bacche di mirto e more
e bambini a rubacchiare
ciliegine precoci e favette
e lontano un muggito di vitello
quando perde il comparto
.
terra magra di guadagno
che non ha mai avuto signore
e che anche sotto gli esattori
non si è mai resa schiava
fino a quando le tante cave moderne
hanno compiuto il saccheggio
e le colline ridotte ad un pianto
sono state tagliate un quarto alla volta
.
la pietra ha insegnato
all'uomo ogni mestiere
minatore o costruttore di strade
con la mina, la mazza o la marra
tra i mucchi di ghiaia
tirando al meglio il piano
sempre con la pietra in mano
perché non esiste pietra di scarto
.
“che ti tirino pietre”
ti dicono se sei birbante
ma un augurio più elegante è
“la pancia piena di pietra”
ma infine tutti come gli scarabei
portiamo sulle spalle il nostro masso
nel desiderio di avere ali
sopra tante fatiche
.
senza denti e senza artigli
nasciamo senza difesa
ma la pietra per noi para fronte
contro ogni pericolo
arma in casa e in montagna
compagna sempre sicura
e letto della sepoltura
quando i tasti smetteranno di suonare
.
ma la pietra e anche il segno
del desiderio di fiducia e pace
sia il pinnetto o sia il nuraghe
sia la fontana o sia l'altare
quando stanca di guerra
ogni gente cerca dio
e quando ci risolviamo a riportare ogni luogo
sotto un'unica umana eredità
.
per capire questo luogo
è necessaria la notte profonda
nell'estate l'onda manda bagliori
e nell'inverno brilla la roccia
pietra senza guadagno
muta a ogni fortuna
lo specchio della luna
illumina questa distesa

g.l.d. - 17 agosto
Reazioni:

0 commenti: