domenica 19 agosto 2012

MODESTIA e PRESUNTZIONE


IMPRENTA de Anna Maria CHERCHI

MODESTIA E PRESUNTZIONE 

S’ispiga a conca bascia est ingranida,
ca sustanzia hat meda e tenet pesu:
paret oro su ranu, oro azzesu
intr ’esu ‘este lughida e cumprida.

 Sa ch’est tèttera, invece.
 est aurtida e si mustrat superba,
a tuju tesu: de su cuguzos
non giughet in mesu che misera
 gianina istreminzida.

 Sa prim’ ispiga, umile gaie,
bell’è chi ‘alet oro, ogni manzanu
s’inchinat a sos rajos de su die.

 S’ atera tenet paza senza ranu
 e si presumit meda che a tie,
chi giughes paz’in conca e rist’in manu.

Angelo Dettori – Bonorva

 la spiga a testa bassa è ricca di chicchi
 ha molta sostanza è pesante
non è solo paglia striminzita sembra umile
è bella da sembrare oro che s’inchina
ai raggi del giorno.

La spiga vuota è presuntuosa
perché sta dritta crede di essere come te
ma è sola paglia (
Questa è una traduzione approssimativa non letterale)
Reazioni: