mercoledì 20 giugno 2012

AP’A PASAI...


Paola Alcioni Sa Cantadora

AP’A PASAI...

Fortzis m'at a allebiai
custa tristura
candu ant arrui
is follas de s’atóngiu
e su linnarbu cantzau
spollinca nai
at a stendiai, preghendi
solu...

Fortzis paxi ap’a tenni
mirendi
is arrúndilis mias in bolu
scabúllias is títiris cadenas
de s'ierru, apustis tantu,
po circai in àterus
beranus nous consolu.

Intzandus
arrimada custa gruxi ‘e dolu
tragada is dìs prus longas
e tostadas...

ap'a pasai.

De cuddu
dolori mannu mannu
de cudda
timoria aggraviosa
fortzis m’at a torrai
acutza
de marigosa memória
s’ùrtima spina.

Repentina
m’at a lompi
che lama
in d-unu durci
scurigadroxu ‘e gesminu

e a su niu in su coru
miu de mama
s’ùrtimu amparu ap’a donai
tambeni
ingruxiendimí
is manus in su sinu...

Sa Cantadora (dexennoi de mesi ‘e làmpadas duamilla e doxi)

RIPOSERÒ

Forse mi si allevierà/ questa tristezza/ quando cadranno/ le foglie autunnali/ ed il pioppo stanco/ ramo nudo distenderà, pregando/ solo.
Forse avrò pace/ osservando/ le mie rondini in volo/ scampate le rigide catene/ dell’inverno, finalmente,/ per cercare consolazione/ in altre nuove primavere.
Allora/ posata questa croce di dolore/ portata a stento nei giorni più lunghi/ e duri...

riposerò.

Di quel/ dolore grande grande/ di quella/ paura oltraggiosa/ forse mi tornerà/ aguzza/ di memoria amara/ l’ultima spina.
All’improvviso/ arriverà/ come lama/ in un dolce/ crepuscolo di gelsomino/ e al nido nel cuore/ mio di madre/ darò l’ultima protezione/ ancora/ mettendo le mani in croce/ sopra il seno...
Reazioni: