giovedì 9 settembre 2010

NOTI DE TURMENTU


(di Paola Alcioni)

... E deu a maledixi sa noti scampiada,
sa luxi ‘e luna sfacia
chi m’at aguantau a sa scida
allomburendi a sa soga de su sonnu
su pensamentu marigosu de tui.
Nisciuna nui, nisciunu bentu carinniosu
m’allébiat su pesu ‘e s’arregordu:
turmentu sentz’e asséliu, sbéliu
sentz’e ispera peruna, che amargura
furada a su leunaxi, sentz’e paxi,
sentz’e nisciuna paxi, che ànima
in pena!

... E deu a maledixi sa noti sullena,
allacanendimí po cust’axiu chi in su scuriu
di aintru, a manu prena, mi forrogat.
... E sa luna giogat cun su tempus fui fui...

E tui, innui ses, eita ses: luxi
o píxida umbra de dillíriu e de nexi?
Deu - innoi seu! - a maledixi
intr’e billa e sonnu cust’amori
chi si stésiat aici, faci a su primu striori
‘e obrescidroxu, sentz’e mancu acostai.
Naramí: si giai ti tengu aintru,
in cali àtera ‘ia t’ap’a circai?

... E sa luna cumentzat a si sfai in cilixia...

Amori, no...
no m’as abarrai in coru che sèmini
marigosu ‘e tribulia o comenti arrastu
penosu ‘e araxi frida. No.
Mancai sa vida
is burtzus m’at a siddai cun sàrtias de mura,
e sa fura ‘e s’ierru m’at atetirigai su coru
de pressi e de ressínniu,
sempri unu carínniu intr’e is didus mius
po tui nci at a essi.

NOTTE DI TORMENTO

... Ed io a maledire la notte che schiarisce, la sfacciata luce di luna che mi ha tenuta sveglia raggomitolando al filo del sonno l’amaro pensiero di te.

Nessuna nuvola, nessun vento carezzevole mi allevia il peso del ricordo: tormento senza requie, desiderio senza nessuna speranza, come amarezza rubata all’oleandro, senza pace, senza pace alcuna, come un’anima in pena!
... Ed io a maledire la notte tranquilla, illanguidendomi per quest’ansia che nel buio interiore, a piene mani, mi fruga.
... E la luna gioca con il tempo che fugge...
E tu, dove sei, cosa sei: luce oppure ombra di pece di delirio e di colpa?
Io - sono qui! - a maledire tra veglia e sonno quest’amore che si allontana così, verso il primo brivido dell’alba senza neanche avvicinarsi.
Dimmi: se già ti ho in me, in quale altra strada ti cercherò?
... E la luna comincia a disfarsi in brina...
Amore, no... non mi rimarrai in cuore come seme amaro di sofferenza o come traccia dolorosa di brezza fredda. No.
Anche se la vita mi legherà i polsi con tralci di rovo, e il furto dell’inverno mi gelerà il cuore
di fretta e di rassegnazione, sempre una carezza tra le mie dita per te ci sarà.
Reazioni:

0 commenti: