giovedì 9 gennaio 2014

TOTU EST POESIA

TOTU EST POESIA 


Paola Alcioni (Sa Cantadora)

Càstia, intzímiat a proi…

Annuadas a bentu arrevésciu
nais de ghísciu
trassant in sa bizarra ‘e su celu
signus chi no cumprendu.
Ma no ddi fait nudda:
totu est poesia.

Proit, fillu miu, sa dí afrigia
stiddiendi in lutzinas de annúgiu
arraminadas làgrimas de grunda.
Fintzas in su stúgiu ‘e is sentidus
tzívinat e s’unda de maistrali
incrubat acutzas tzinnigas
de dolori.

Po m’avesai a su marigosori ‘e sali
de custu mali de bivi,
deu, sossoini de pena,
in s’arena arréxinis emu postu.
Nuas mi ddas lassàt ‘onnia sbentuliada
e no nd’allebiàt s’àcua s’asciutori.

Imoi, candu sa mannària ‘e su celu
in càscias de umbra
is neas s’aguantat asuria,
de sa manu mia si strobint
arànnias sintzieddus
e arrandant tirinnia de fueddus
in sa trama tirada de s’abetu.
Aici
sciortu su spantu de sogas de apretu
totu si fait cantu e poesia
in custa ‘ia de nebida e de vida.
E mancai si scurighint is bisus
in is trobeas de su tempus
no lassu prus chi arrisus axedint
che binu intristau.
Tui mi dd’as imparau,
limbichendi de píxidas currentis
de axiu
su prexu di essi biu.

Càstia maistu miu piticu, bisadori
de bisus mannus mannus,
no proit prus!
Nais de craboni
trassant in sa pruinca ‘e su celu
bólidus chi si stésiant.

Ti nd’as andai tui puru?

Si strobint de sa manu mia in su saludu
de cilixia caus e de ressínniu...

De sa tua, arrúndilis chi lestras
torrant in carínniu di allirghia
narendi: est berus! Totu
- totu! - est poesia.


TUTTO è POESIA

Guarda/ comincia a piovere...
Annodati a vento ostinato/ rami di gesso/ tracciano nell’ardesia del cielo/ segni che non capisco.
Ma non importa:/ tutto è poesia.
Piove, figlio mio, la giornata triste/ gocciolando in pozze di malinconia/ossidate lacrime di grondaia./Persino nel cantuccio dei sentimenti/ pioviggina e l’onda di maestrale/ piega aguzzi giunchi/ di dolore.
Per abituarmi all’amarezza di sale/di questo male di vivere,/ io, salicornia di pena,/ nella sabbia avevo messo radici./Me le lasciava nude ogni colpo di vento/e la pioggia non ne leniva l’arsura.
Ora, quando la vastità del cielo/ in scrigni d’ombra/ avara trattiene le aurore,/dalla mia mano si liberano ragni/nero-fumo e formano pizzi- ragnatele di parole/ nello sfilato dell’attesa.
Così/ sciolto lo stupore da lacci di necessità/ tutto si fa canto e poesia/ in questa strada nebbiosa che è la vita./ Ed anche se si abbuiano i sogni/ nelle pastoie del tempo/ non lascio più che sorrisi inacidiscano/come vino triste.
Tu me l’hai insegnato,/distillando da oscure correnti/d’angoscia/ la gioia di vivere.
Guarda mio piccolo maestro, sognatore/ di grandissimi sogni,/ non piove più!/ Rami di carbone/tracciano nella pervinca del cielo/ voli che si allontanano.

Te ne andrai anche tu?

Si liberano dalla mia mano nel saluto/ gabbiani di brina e di rassegnazione…
Dalla tua rondini che svelte/tornano in carezza d’allegria/ dicendo: è vero! Tutto/ - tutto! - è poesia.

Reazioni:

0 commenti: